Posts Tagged ‘serietà’

dell’Ambizione, del Governo e delle maggioranze parlamentari

22/01/2021

Giuseppe Conte, anche in Senato, ha trovato una maggioranza e può continuare a governare. Ma non si tratta di maggioranza assoluta tant’è che se non riuscirà ad allargare il perimetro del consenso non avrà i numeri per far approvare le Leggi che, per il bene dell’Italia, Lui e il Suo Governo riterranno necessarie. E nelle tante Commissioni, vitali alla funzione del Governo, l’attuale maggioranza avrà vita ancor più dura. Verificheremo nei prossimi giorni.

Non è però delle traversie del Governo del Presidente del Consiglio che intendo parlare o delle vicende, talune apparentemente discutibili, che lo hanno visto attore precedentemente e successivamente al Suo incarico. A chi ne è interessato consiglio una visita all’indirizzo https://www.ilcorrieredelgiorno.it/la-doppia-faccia-di-giuseppe-conte/ 

La spinta a questo post è un “ricordo flash” di quanto avevo letto, forse, un paio d’anni or sono.  Nicola, padre di Giuseppe Conte ed ex segretario del Comune di Volturara Apula (Foggia), in una intervista, a proposito del figlio disse: “È troppo ambizioso”.

L’ambizione è cosa buona? è cosa sbagliata? Difficile dare una risposta!

M’affido, allora, a quanto detto da alcuni pensatori. Da parte Vostra, miei cari lettori, ed io con Voi, auguriamoci che la “troppa ambizione” di Giuseppe Conte lo induca, finalmente, a prendere decisioni che siano rapide e ragionate cosa che sin dal Suo primo Governo, parere in tal caso totalmente mio, non ho visto con la frequenza sperata. 

Eccovi le parole dei “saggi”

 

“Si sa bene che l’ambizione può strisciare o volare” (BURKE)

“L’ambizione s’attacca più facilmente alle anime piccole che alle grandi, come il fuoco s’appiglia più facilmente alla paglia e alle capanne che ai palazzi” (CHAMFORT)

“Lo schiavo ha un sol padrone; l’ambizioso ne ha tanti, quante sono le persone  che possono giovare alla sua fortuna” (LA BRUYERE)

“L’ambizione dovrebbe essere fatta di stoffa più solida” (SHAKESPEARE)

“L’ambizione non s’accorda affatto con la bontà: s’accorda con l’orgoglio, con l’astuzia, con la crudeltà” (TOLSTOI)

 

 

 

 

banzai43

 

del buon Governo

13/04/2020

La forma repubblicana è la più alta forma di governo; ma appunto perciò esige il tipo più alto della natura umana – un tipo che ora non esiste in nessuna parte.

Herbert Spencer, Essays

… basta per me un uomo …

13/03/2010

La complicata vita politica del nostro Paese e lo scarso “peso” e serietà di gran parte dei nostri politici hanno fatto riaffiorare alla mia mente alcuni versi di Simonide (*), (Iuli, isola di Ceo, 556 a.C. – Agrigento, 468): Non ne conosco il titolo, ma eccoveli:

Divenire davvero un uomo valente

e’ difficile, quadrato nelle mani, nei piedi

e nella mente, plasmato senza biasimo.

Ne’ ritengo intonato il detto

di Pittaco, pur se fu pronunciato da un uomo

saggio. «E’ difficile» – disse – «esser valenti.»

Solo un dio puo’ avere questo dono, ma un uomo

non puo’ non essere ignobile

se una sventura lo coglie senza rimedio.

Se ha successo, ogni uomo e’ valente;

ma è malvagio, se ha sorte cattiva; (per più tempo e’ eccellente)

chi dagli dèi e’ amato.

Non voglio, dunque, in una speranza vuota ed inane

sciupare la mia parte di vita

bramando l’impossibile:

un uomo che sia senza biasimo, fra quanti cogliamo

il frutto della terra vasta.

Quando l’avrò trovato, a voi l’annuncero’.

tutti io lodo e amo:

chi nulla di turpe compia volontariamente; con la necessita’

non lottano neppure gli dèi.

Basta per me un uomo che non sia cattivo

ne’ troppo stolto, e conosca la giustizia che giova alla citta’:

un uomo sano. Io non lo biasimero’:

al biasimo non sono incline;

infinita e’ la razza degli stolti.

Ogni cosa e’ bella, cui non si mescola nulla di turpe.

—————————–

(*) – Poeta lirico greco, fra i piu’ grandi poeti di corte. Divenne presto noto come il cantore della liberta’: suoi sono infatti l’elegia per i caduti di Maratona e l’epitaffio per i caduti delle Termopili.Pare sia stato il primo a comporre carmi in cambio di denaro costringendo i contemporanei a riconoscere il valore della poesia. Delle sue opere ci sono rimasti circa settanta epigrammi.

banzai43

augura a Voi tutti Buon fine settimana