Posts Tagged ‘realtà’

dell’umorismo

30/03/2019

.

L’umorismo è la capacità intelligente e sottile di rilevare e rappresentare l’aspetto comico della realtà.

Annunci

della nostalgia da ricordi e dell’amor perduto

25/04/2018

“Talvolta veniva preso dalla nostalgia, ed era come una lingua di schiuma lanciata all’assalto dello scoglio della sua memoria. Si voltava verso il proprio passato e si ritrovava a pensare a Loan e alle sette notti  d’amore in sua compagnia. Vedeva solo una lunga strada verde e una scia di fragranze, di carezze, di fumo e di pioggia. Poi si ritrovava di colpo nel presente, e il contrasto fra ricordi e realtà lo straziava; ma piano piano le ferite smisero di tormentarlo, e infine si rimarginarono.

   Non odiava quella donna. Col tempo imparava ad amarla e a trovarla ancor più incantevole. In lui andava instaurandosi una sorta di certezza che lo rasserenava. Era persuaso che quell’amore si sarebbe sviluppato ogni giorno di più fino al momento della morte. Il loro amore era stato così breve che la sua fiamma non si era mai consumata. Loan gli aveva dato la cosa più bella: la magia dei primi istanti.”

Dal romanzo “Opium” di Maxence Fermine

la politica dell’apparenza

24/02/2018

..

..

“Il popolo è un pessimo giudice: nella sua stoltezza per lo più onora chi non lo merita, perché stupidamente crede all’apparenza”

Quinto Orazio Flacco

Della medicina e del giuramento di Ippocrate

10/04/2010

Di questi tempi poco si parla di Sanità, molto di mala-Sanità. I giornali non ci lesinano certo le notizie. Questo post trae origine dal racconto d’una amica. Pochi giorni prima delle elezioni si reca del medico. Questi, dopo i saluti, esordice: “Posso darle i volantini del partito …”. La risposta della mia amica, donna abbastanza focosa, ve la risparmio. Aveva incrociato il medico”politico”. Ma vi sono quelli “incapaci”, quelli svogliati”, quelli che “importante è non perdere tempo visitando”. Ed ancora, i “tangentati”, i “viaggiatori” (pagano le case farmaceutiche, ma noi in ultima istanza), gli “escortati” (una bella sera non gliela si può negare) ed anche gli impiantatori di valvole cardiache difettate, tanto immesse su chi, comunque, ha poco da vivere …, e ci sono anche quelli che, in disaccordo con Dio, decidono di asportare un polmone a qualcuno (due polmoni consumano più aria di uno …). Del cuore abbiamo già detto; solo modeste modifiche anche se mortali, ma eliminare il cuore, che diamine, cosa si pensa che siano dei maghi? Ma dai …

Attenzione, non sono fantasie, trattasi di realtà, forse un poco colorita, ma realtà. E se medici così toccassero alla Tua famiglia, mio caro lettore ed amico?

E pensare che si potrebbe far meglio rapidamente, attenendosi al giuramento di Ippocrate, nella versione che maggiormente aggrada, la classica o la moderna.

Se lo ricorderanno ancora i nostri medici? Loro, i Nuovi Dei perché anch’essi come quelli possono disporre delle nostre vite? Forse no.  Allora, per evitare loro una defatigante ricerca, al mattino prima di uscire, senza sforzo (spero) potranno leggerlo perché reso disponibile da me, banzai43, trafficante modestissimo con i caratteri della lingua italiana.



GIURAMENTO di IPPOCRATE

Testo “classico” del Giuramento Ippocratico

Giuro per Apollo medico e per Asclepio e per Igea e per Panacea e per tutti gli Dei e le Dee, chiamandoli a testimoni che adempirò secondo le mie forze e il mio giudizio questo giuramento e questo patto scritto. Terrò chi mi ha insegnato quest’ arte in conto di genitore e dividerò con Lui i miei beni, e se avrà bisogno lo metterò a parte dei miei averi in cambio del debito contratto con Lui, e considerò i suoi figli come fratelli, e insegnerò loro quest’arte se vorranno apprenderla, senza richiedere compensi né patti scritti. Metterò a parte dei precetti e degli insegnamenti orali e di tutto ciò che ho appreso i miei figli, i figli del mio maestro e i discepoli che avranno sottoscritto il patto e prestato il giuramento medico e nessun altro. Sceglierò il regime per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio, e mi asterrò dal recar danno e offesa. Non somministrerò a nessuno, neppure se richiesto, alcun farmaco mortale, e non prenderò mai un’ iniziativa del genere; e neppure fornirò mai a una donna un mezzo per procurare l’aborto. Conserverò pia e pura la mia vita e la mia arte. Non opererò neppure chi soffre di mal della pietra, ma cederò il posto a chi è esperto di questa pratica. In tutte le case che visiterò entrerò per il bene dei malati, astenendomi ad ogni offesa e da ogni danno volontario, e soprattutto da atti sessuali sul corpo delle donne e degli uomini, sia liberi che schiavi. Tutto ciò ch’io vedrò e ascolterò nell’esercizio della mia professione, o anche al di fuori della professione nei miei contatti con gli uomini, e che non deve essere riferito ad altri, lo tacerò considerando la cosa segreta. Se adempirò a questo giuramento e non lo tradirò, possa io godere dei frutti della vita e dell’ arte, stimato in perpetuo da tutti gli uomini; se lo trasgredirò e spergiurerò, possa toccarmi tutto il contrario.

GIURAMENTO

Testo “moderno”

Consapevole dell’ importanza e della solennità dell’ atto che compio e dell’ impegno che assumo, giuro: di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento; di perseguire come scopi esclusivi la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell’ uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale; di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di un paziente; di attenermi alla mia attività ai principi etici della solidarietà umana, contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze; di prestare la mia opera con diligenza, perizia, e prudenza secondo scienza e coscienza ed osservando le norme deontologiche che regolano l’esercizio della medicina e quelle giuridiche che non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione; di affidare la mia reputazione esclusivamente alla mia capacità professionale ed alle mie doti morali; di evitare, anche al di fuori dell’ esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il prestigio e la dignità della professione. Di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni; di curare tutti i miei pazienti con eguale scrupolo e impegno indipendentemente dai sentimenti che essi mi ispirano e prescindendo da ogni differenza di razza, religione, nazionalità, condizione sociale e ideologia politica; di prestare assistenza d’ urgenza a qualsiasi infermo che ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità a disposizione dell’Autorità competente; di rispettare e facilitare in ogni caso il diritto del malato alla libera scelta del suo medico, tenuto conto che il rapporto tra medico e paziente è fondato sulla fiducia e in ogni caso sul reciproco rispetto; di osservare il segreto su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell’ esercizio della mia professione o in ragione del mio stato; di astenermi dall’ “accanimento” diagnostico e terapeutico.