Posts Tagged ‘pericolo’

del segreto

17/02/2019

.

Nessuno affidi il suo segreto al più accorto e al migliore amico, poiché un segreto, anche con la migliore intenzione, è in pericolo; e nessuno si lagni d’un danno ch’egli stesso si prepara.

Pedro Calderon de la Barca

Annunci

dell’erba e del serpente

10/02/2019

.

“Tagliare l’erba per svegliare il serpente”

Proverbio cinese

dell’Amicizia

21/01/2018

Publilio Siro (schiavo a Roma nel I° sec. a.C., poi affrancato, divenne autore teatrale e attore di mimi). Circa l’amicizia, di lui si ricordano queste parole.

.

Se tolleri i difetti di un amico senza correggerli, li fai tuoi.”

” Se hai un amico o solo uno che ne porta il nome, te lo chiarirà la sventura.”

.

 

a chi per sfuggir la morte, in mare la morte trova navigando

09/05/2015

Molti, in mare, i fuggitivi d’una sorte avversa. Scappar per fame, paura, vessazioni, odio, barbarie, persecuzioni. E morire d’un tratto tra i marosi, con la salvezza a tiro, col sapore del sale che s’avventa, in gola, a soffocare la speranza. Morire così, solo fra tanti “ultimi come Te”,  pensando alla casa lontana, alla famiglia lasciata, alla tua vita che va …

D’un tratto ho ricordato d’aver letto, molti anni or sono, una poesia. L’ho ricercata. L’ho trovata. La propongo alla lettura degli amici e di tutti i lettori consueti ed occasionali, con il mio augurio di Buona Domenica e di buon inizio di settimana.

banzai43

Quasimodo

AI  DIOSCURI

Lasciate l’olimpo,

audaci figli di Zeus e di Leda,

e con animo a noi propizio apparite,

o Castore e Polluce,

che la terra e i mari

correte su rapidi cavalli.

A voi è facile salvare i naviganti

da pietosa morte, saltando da lontano

sull’alto delle navi folte di rematori:

girando luminosi nell’avversa

notte intorno alle gomene, portate

luce alla nave nera.

(Salvatore Quasimodo)

del matrimonio (… o del pericolo)

27/03/2014

Il matrimonio è cosa disperata.

Zenone, Matrimonio

Le rane di Esopo erano straordinariamente sagge: miravano a un po’ d’acqua, ma non volevano saltare nel pozzo perché non ne potevano venir di nuovo fuori.

SELDEN, Table-Talk