Posts Tagged ‘onestà’

dall’Uruguay: Mario Benedetti

14/01/2017

La mia tattica

.

benedetti-mario-poeta
.

La mia tattica è

guardarti

imparare come sei

amarti come sei

la mia tattica è

parlarti

e ascoltarti

costruire con le parole

un ponte indistruttibile

la mia tattica è

fermarmi nel tuo ricordo

non so come né so

con quale scusa

ma rimanere in te

la mia tattica è

essere onesto

e sapere che tu sei onesta

e che non ci vendiamo

simulacri

affinché tra noi due

non ci sia un sipario

né abissi

la mia strategia

invece è

più profonda e più

semplice

la mia strategia è

che un giorno qualunque

non so come    né so

con quale scusa

avrai bisogno di me.

.

Mario Benedetti

(Paso de los Toros, 14.9.1920 – Montevideo, 17.5.2009)

dei mezzi di informazione

24/10/2015

televisione
Oggi c’è sempre più controllo dei capitali sulla televisione, ecco perché l’informazione è messa in un angolo, non frutta denaro ed è pure pericolosa …

Un tempo l’informazione poteva controllare gli altri poteri: non era solo un diritto, ma una responsabilità.george-clooney

Ora invece non si fanno più le domande che contano.

GEORGE CLOONEY

del tangentismo, del corretto giudizio (… e dei veti politici, spesso incrociati)

13/09/2014

DemosteneIl corretto giudizio è possibile (solo) quando si giudichi senza riguardo agli interessi personali, senza alcun guadagno in relazione alla funzione, in quel momento, di giudice.

A tal proposito, nel 346 a.C., Demostene, celebre oratore, parlando agli ateniesi, disse:

“… Quando invece su uno dei due piatti di una bilancia, si ponga del denaro, questo fa inclinare la bilancia dalla sua parte e trascina con sé il giudizio, e chi ha ricevuto del denaro non può più ragionare rettamente e sanamente su alcuna cosa.”

Son passati 2.360 anni e l’uomo-politico pare immutato; le decisioni “a favore del popolo” continuano a difettare; non così quelle a favore proprio e del proprio “entourage” o del “cerchio magico” di riferimento. Forse è giunto, veramente, il momento di pregare prima che anche le formiche s’incazzino!

Buona domenica.

banzai43

della politica, della finanza e … d’altro

11/09/2014

edward-hopper-risacca

 

“Anche le zampette delle formiche consumano le pietre”

“Chi è nudo non può essere spogliato neanche da mille briganti”

“Quando parla il denaro, tutte le lingue tacciono”

“Fa del male agli onesti chi risparmia i malvagi”

 

romero-britto-l-abbraccio

… basta per me un uomo …

13/03/2010

La complicata vita politica del nostro Paese e lo scarso “peso” e serietà di gran parte dei nostri politici hanno fatto riaffiorare alla mia mente alcuni versi di Simonide (*), (Iuli, isola di Ceo, 556 a.C. – Agrigento, 468): Non ne conosco il titolo, ma eccoveli:

Divenire davvero un uomo valente

e’ difficile, quadrato nelle mani, nei piedi

e nella mente, plasmato senza biasimo.

Ne’ ritengo intonato il detto

di Pittaco, pur se fu pronunciato da un uomo

saggio. «E’ difficile» – disse – «esser valenti.»

Solo un dio puo’ avere questo dono, ma un uomo

non puo’ non essere ignobile

se una sventura lo coglie senza rimedio.

Se ha successo, ogni uomo e’ valente;

ma è malvagio, se ha sorte cattiva; (per più tempo e’ eccellente)

chi dagli dèi e’ amato.

Non voglio, dunque, in una speranza vuota ed inane

sciupare la mia parte di vita

bramando l’impossibile:

un uomo che sia senza biasimo, fra quanti cogliamo

il frutto della terra vasta.

Quando l’avrò trovato, a voi l’annuncero’.

tutti io lodo e amo:

chi nulla di turpe compia volontariamente; con la necessita’

non lottano neppure gli dèi.

Basta per me un uomo che non sia cattivo

ne’ troppo stolto, e conosca la giustizia che giova alla citta’:

un uomo sano. Io non lo biasimero’:

al biasimo non sono incline;

infinita e’ la razza degli stolti.

Ogni cosa e’ bella, cui non si mescola nulla di turpe.

—————————–

(*) – Poeta lirico greco, fra i piu’ grandi poeti di corte. Divenne presto noto come il cantore della liberta’: suoi sono infatti l’elegia per i caduti di Maratona e l’epitaffio per i caduti delle Termopili.Pare sia stato il primo a comporre carmi in cambio di denaro costringendo i contemporanei a riconoscere il valore della poesia. Delle sue opere ci sono rimasti circa settanta epigrammi.

banzai43

augura a Voi tutti Buon fine settimana