Posts Tagged ‘fuoco’

dell’Orgoglio

19/01/2015

L’orgoglio è la più sconsolata delle passioni, siccome quella che non sa pascersi altro che di sé medesima, e fu bene dagli antichi simboleggiata per l’avvoltoio rodente il core a Prometeo.

G. GIUSTI, Epistolario
.
Prometeo2
Annunci

dalla Francia: Charles Baudelaire

17/01/2015

da “I fiori del male”

dittamo2IL RITRATTO

La Malattia e la Morte fanno cenere

di tutto il fuoco che per noi fiammeggiò.

Di quei grandi occhi così fervidi e teneri,

di quella bocca dove il mio cuore annegò

di quei baci possenti come un dìttamo,

di quei trasporti più vivi di raggi di sole,

che rimane? Anima mia, è terribile!

Null’altro che un pastello pallido, a tre colori,

che come me, se ne muore in solitudine

e che il tempo continua, ingiurioso vegliardo,

a sfiorare ogni giorno con la sua ala rude …

Nero assassino della Vita e dell’Arte,

non riuscirai ad uccidere dentro la mia memoria

colei che fu il mio piacere e la mia gloria!

Parigi o del nuovo inferno

08/01/2015

Jean_Paul_Satre_by_RussCook.

I tragici avvenimenti parigini e le attuali tensioni nell’intera Francia e non solo, hanno riportato alla mia memoria una frase di Jean-Paul Sartre che, a suo tempo, m’aveva colpito. Questa:

Ecco che cos’è l’inferno. Non l’avrei mai creduto. Ti ricordi, il fuoco eterno, la graticola. Che scherzo! Non c’è bisogno di una graticola. L’inferno sono gli altri.

.

inferno

dalla Bulgaria: Blaga Dimitrova

02/01/2014

………...SENZA AMORE

Da questo momento vivrò senza amore.
Libera dal telefono e dal caso.
Blaga DimitrovaNon soffrirò. Non avrò dolore né desiderio.
Sarò vento imbrigliato, ruscello di ghiaccio.

Non pallida per la notte insonne –
ma non più ardente il mio volto.
Non immersa in abissi di dolore –
ma non più verso il cielo in volo.
Non più cattiverie – ma nemmeno
gesti di apertura infinita.
Non più tenebre negli occhi, ma lontano
per me non s’aprirà l’ orizzonte intero.

Non aspetterò più, sfinita, la sera –
ma l’alba non sorgerà per me.
Non mi inchioderà, gelida, una parola –
ma il fuoco lento non mi arderà.
Non piangerò sulla crudele spalla –
ma non riderò più a cuore aperto.
Non morrò solo per uno sguardo –
ma non vivrò realmente mai più.

Blaga Dimitrova

 

Ti amai

27/03/2010

Ti amai



Ti amai – anche se forse

ancora non e’ spento

del tutto l’amore.

Ma se per te non e’ più tormento

voglio che nulla ti addolori.

Senza speranza, geloso,

ti ho amata nel silenzio e soffrivo,

teneramente ti ho amata

come – Dio voglia – un altro possa amarti.

ALEKSANDR (Mosca, 1799 – Pietroburgo, 1837)

Considerato il maggiore poeta russo. Fu esiliato perche’ alcune sue opere furono giudicate «rivoluzionarie