Archive for the ‘Pensiero del giorno’ Category

del dolore e del raccontare

06/04/2015

karen blixen

.

Tutti i dolori sono sopportabili se li si fa entrare in una storia, o se si può raccontare una storia su di essi.

Karen Blixen

del Governo e del governare

17/03/2015

I governi son vele, il popolo il vento, lo stato la nave, il tempo il mare.

Borne, Frammenti e Aforismi

barca

 

Per governare occorre senza dubbio la fermezza, ma anche molta flessibilità, molta pazienza, molta compassione.

Lacordaire, Pensées

della donna e dell’uomo

13/03/2015

bocca

L’avvenenza della donna

può più del coraggio

dell’uomo

F. Glaser

.
conchiglia

del prestare ascolto

11/03/2015

OrazioNessuno -invidioso, iracondo, pigro, ubriacone, libertino- è così selvaggio da non poter cambiare e migliorare, se solo ha la pazienza di prestare ascolto alla voce della saggezza.

Quinto Orazio Flacco

Agostino e la Pace

03/03/2015

lapaceLa pace è tal bene che non si può desiderarne uno più caro, né possederne uno più utile.

S. AGOSTINO, De civitate Dei

della Patria

22/02/2015

globo-terraqueo

Non sono nato per starmene sempre nello stesso identico angolo. La mia Patria è tutto questo mondo.

Lucio Anneo Seneca

A sé stesso mentire

21/02/2015

F.lli Karamazov….

Chi mente a sé stesso e presta ascolto alle proprie menzogne arriva al punto di non distinguere più la verità, né in sé stesso, né intorno a sé.

F. DOSTOEVSKIJ, Fratelli Karamazov

della guerra (e guerriglia), del dolore e della pace

20/02/2015

VincenzoMonti… O bella pace,

o dei mortali universal sospiro!

Se l’uom ti conoscesse, e più geloso

fosse di te, riprenderìa suoi dritti

allor natura: vi sarìa nel mondo

una sola famiglia, arbitro amore

reggerebbe le cose, né coperta

più di delitti si vedrìa la terra.

V. Monti, Manfredi
.
guerriglia

della sua poesia (Dylan Thomas, poeta statunitense)

14/02/2015

Dylan Thomas 2

“La vita in ogni mia poesia emerge dal centro; un’immagine deve nascere e morire in un’altra. Dal loro inevitabile conflitto -inevitabile a causa della natura creativa, ricreativa, distruttiva e contraddittoria del centro motivazionale, l’utero della guerra- cerco di costruire quella pace momentanea che è una poesia.”

Dylan Thomas

 

della tranquilla vecchiaia

13/02/2015

x3. 004

Non il giovane è felice, ma il vecchio che ha vissuto una vita bella. Infatti il giovane nel fiore della età è sempre in balia della sorte; il vecchio invece è approdato alla vecchiaia come a un porto tranquillo e di tutti i beni che
prima aveva con dubbio sperato ora ha sicuro possesso nella tranquilla gioia del ricordo.

così EPICURO

Tenuto conto dei tempi che stiamo vivendo vien da chiedersi se questo pensiero abbia una qualche validità ancor oggi ove, in larga misura, si assiste all’emarginazione sistematica degli anziani dopo una, forse programmata, politica di loro impoverimento per una successiva espulsione. Quasi che la vita dell’uomo sia, per la politica imperante, un bene ad obsolescenza programmata, quindi con una scadenza quasi certa, per una sua estromissione dal “sistema” : “espulsione a scadenza”.

Che tristezza! Che rabbia!

a_caneinviaggio

banzai43

 


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 47 follower