Archive for the ‘Della crisi economica’ Category

del lavoro e degli ingiusti giudizi

19/01/2019

.

Chi si nutre del lavoro delle sue mani, crede appena che il lavoro dello spirito possa costare lo stesso sudore, e non pensa che il lavoratore dello spirito internamente sudi. Al contrario il professionista intellettuale non apprezza come si merita la fatica del lavoratore manuale. Così si desta lì invidia, qui alterigia, e da per tutto ingiustissimo giudizio sul valore del lavoro altrui.

W. H. RIEHL

.

Annunci

Natale 2018

22/12/2018

Cari Amici,

un altro Natale s’avvicina. Vi auguro di poterlo passare serenamente anche se, politicamente, parte di noi non sono felici degli accadimenti più recenti. E non intendo parlare della diatriba con l’Europa, con i “FATTO” di Di Maio che tali non sono, o del rispetto per gli italiani, chiesto a gran voce da un Salvini che sempre più appare come portatore-modello delle bluse e giacche a vento dei “corpi dello Stato”: Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Protezione civile …. Quello che lo salva, ai miei occhi, è la sciarpa del Milano, esibita talvolta, unica cosa che con Lui mi sento di condividere.

Non ho votato per i partiti di questo Governo, ma sino ad ora non li ho neppure criticati. Ho atteso mi fosse spiegato ciò che credevo di non aver avuto la capacità di vedere, o almeno intravvedere. Ma continuo a non vedere. Forse non cieco totale, solo un poco guercio. Sarà un fenomeno legato all’età che avanza (a proposito, domani 23.12 sono 75!). Quello che invece odo è il rumore della confusione, il clangore delle parole a vanvera, l’iridescenza delle lunghe colonne di cifre le cui somme portano a risultati impalpabili come il fumo, e come esso dannosi.

Temo che i pochi soldi che andranno ai più poveri, risultato di una battaglia senza discussione in Parlamento, esautorato di fatto, poco risolveranno (certo per taluni saranno un bene. Ci mancherebbe!) Ma sul fronte delle più importanti necessità nazionali: in primis lavoro, lavoro, lavoro soprattutto per i giovani, riduzione tasse ed imposte per le imprese e grandi infrastrutture, nulla è stato fatto, nulla va avanti, tutto è rimesso in discussione. Si pensi che solo per la logistica (in definitiva trasportare merci da un posto all’altro) il costo in Italia è maggiore del 20 – 30% rispetto al resto d’Europa.

Scusate, amici, in realtà volevo solo farvi gli auguri di Natale. Tantissimi auguri, perché in famiglia possiate essere tranquilli e vivere “con leggerezza” sino ad inizio 2019 ed anche dopo. Scusatemi ancora. M’è scappata la mano (o la penna, se preferite). Scusatemi.

Forse per molte delle persone che stimiamo, il futuro non sarà facile. Tanti auguri anche a loro.

Un abbraccio a Voi tutti e l’augurio d’ogni bene.

banzai43

 

 

 

i governanti talvolta dimenticano che …

01/10/2018

.

La riconoscenza è come la buona fede dei mercanti: serve a mantenere il commercio; e noi non paghiamo perché è giusto pagare, ma per trovare più facilmente gente che ci dia a prestito.

La Rochefoucauld, Maximes

Brexit: Gran Bretagna, Europa e Vincenzo Monti

06/11/2016

Di questi tempi si parla molto di Brexit. Della fuoriuscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Dell’indicazione da parte della Suprema Corte Londinese del Parlamento e non del Governo di Sua Maestà, quale Organo decisore ultimo circa tempi e modalità della separazione. Si tocca con mano il fastidio e l’irritazionevincenzo-monti di molti Governi. Di quello tedesco in particolare. Storico è l’odio-amore dei francesi per i dirimpettai inglesi. E l’Italia?

Non so bene quali siano, se ve ne sono, precedenti storici di antipatia fra britannici ed italiani. Certo è che qualche cosa deve esserci o, quanto meno esserci stato per il “nostro” Vincenzo Monti se, in un passato poco prossimo (siamo nel 1802) ebbe a scrivere:

.

All’Inghilterra

.

Luce ti nieghi il sole, erba la terra.

Malvagia che dall’alga e dallo scoglio

Per la via de’ latron salisti al soglio

E con l’arma di Giuda esci alla guerra.

Fucina di delitti, in cui si serra

Tutto d’Europa il danno ed il cordoglio,

Tempo verrà che abbasserai l’orgoglio

Se stanco alfin pur Dio non ti sotterra.

La man che tempra dei Latini il fato

Ti scomporrà le trecce, e fia che chiuda

Questo di sangue umano empio mercato.

Pace avrà il mondo, e tu, feroce e cruda

Nel mar tiranno, all’amo abbandonato

Farai ritorno, pescatrice, ignuda.

.

… Pinocchio: non ti fidare

11/01/2016

soldiNon ti fidare, ragazzo mio, di quelli che promettono di farti ricco dalla mattina alla sera. Per solito, o sono matti o imbroglioni.

Carlo Collodi

dopo la devastazione, l’Albero della Vita

03/05/2015

Gentili Amici,

   dopo la devastazione senza senso, subita ad opera d’una banda di delinquenti, la mia Milano sta lucidandosi nuovamente per presentarsi  una volta ancora, con rinnovata eleganza, a tutti i visitatori. L’occasione, questa volta (ghiotta occasione) è l’EXPO che vede Milano al centro del mondo. Milano vi aspetta, Milano vi saluta.

E per chi ancora non l’avesse visto (difficile, io credo) ecco a Voi l’Albero della Vita simbolo, più che mai, d’una città e d’una nazione che, nonostante tutto, ha deciso di fare resistenza, di non arrendersi.

Buona settimana a tutti.

banzai43

 

Benvenuto EXPO

01/05/2015

Contro la violenza gratuita di

delinquenti e facinorosi

privi di un progetto di società,

equa, solidale, partecipata

BENVENUTO

.

expo big

Lavoro, lavoro, lavoro: Primo Maggio 2015

30/04/2015

La-mietitura-particolare

.

pat8

image3

.

.

.

.

.

.Buon primo Maggio

.

a chi ha lavorato, a chi lavora, a chi (speriamo) lavorerà

e a tutte le donne che, anche senza lavoro esterno, sono

sempre

grandi lavoratrici nelle proprie case.

Un abbraccio a tutte e a tutti.

banzai43

Alla Grecia, con amore

26/04/2015
bandiera grecaE’ di un paio di giorni la notizia (riportata dall’Agenzia Bloomberg) che, a Riga, Jeroen Dijsselbloem, oscuro politico olandese succeduto a Jean-Claud Junker quale presidente dell’Eurogruppo, ha definito Yanis Varoufakis, docente universitario di economia e Ministro dell’economia greco “un perditempo, un giocatore d’azzardo, un dilettante”.
Non voglio entrare più di tanto nel merito. Segnalo, comunque, che il tempo dato alla Grecia per presentare un proprio piano che possa essere accettato, anche se non totalmente gradito, dal resto d’Europa, scade alla fine del prossimo Maggio. Inoltre,  cosa che era facile prevedere, l’atteggiamento più punitivo che comprensivo dell’Europa nei confronti del popolo greco spinge il primo ministro Tsipras a chiedere aiuto anche a Putin aprendo così, forse,  alla flotta Russa un facile accesso al mare Egeo ed alla sicurezza dei suoi porti. Tralascio, comunque, considerazioni di “realpolitik” e della questione  intendo parlare con il cuore.

Acropoli

 

Da circa cinquant’anni mi interesso anche di economia. Varoufakis, a mio avviso, ancorché talvolta con atteggiamenti che si potrebbe risparmiare, ha ragione. La Grecia ha bisogno di più tempo. Soccorriamola temporalmente, concediamole il tempo necessario a compiere un’impresa titanica.
Darà da mangiare al proprio popolo, colpirà con le imposte chi le imposte non le ha mai pagate, continua a non pagarle ed ha già portato gran parte della propria liquidità altrove.
Salviamo la Grecia. L’Europa tutta, anche quella nordica, deve qualche cosa al suo passato, ma anche al suo presente se consideriamo le riflessioni che ci sta inducendo a fare circa le distorsioni di un sistema che sprofonda nella completa indigenza gli ex poveri, porta alla povertà la borghesia, apre la strada al fascismo di Alba dorata ed a chissà cos’altro, moltiplica le ricchezze di chi ricco è già.
Salviamo i greci anche con una colletta spontanea di singole persona, foss’anche un regalo. Un prestito popolare fatto col cuore più che con la testa. Un prestito che nasca dall’anima, dall’amore per la cultura, dalle pulsioni generate dall’intelletto quando si pensi a tanti Grandi del passato greco: Socrate, Aristotele, Fidia, Pindaro, Saffo, Mitride, Prassilla, Telesilla …. e così via all’infinito, Consegniamo, idealmente, al popolo greco, novello Ulisse che ha ben poche colpe, tradito dai suoi governanti, una nuova zattera con la quale battersi contro i marosi e vincere un’Europa senza più anima (le morti dei migranti nel Mediterraneo ne sono un’altra prova), ormai raffigurabile come un novello ed irato Poseidone alla ricerca della vendetta, non della pace.

Buon inizio settimana a tutti.

a_caneinviaggio

banzai43

sia Pace in Terra …

23/12/2014

Sia Pace in Terra … con quel che segue.

Gesù bambino…..Certo, con tutto quello che succede nel Mondo e pure in Italia che a questo mondo, in fin dei conti appartiene, è difficile credere che ancora esistano “uomini di buona volontà”.

Guerre senza logica, soprusi, violenze inusitate, sprechi, eccessi, malaffare, femminicidi, infanticidi, nepotismo, emarginazione, indigenza, disperazione … Queste, ormai, le notizie d’ogni giorno.

Dove trovarlo, mi chiedo, l’UOMO di buona volontà. Gli uomini di buona volontà. Magari, anche, solo una decina. Uomini retti, schiene diritte, uomini giusti, uomini privi d’invidia, disponibili all’aiuto verso il prossimo. Dove trovarli?

Eppure ancorché ogni giorno sommersi da quanto si vede, si sente, si legge, non possiamo che sperare. Cosa sarebbe mai l’Uomo senza Speranza?

A tutti gli amici ed a tutti coloro che, casualmente, transitano dal labile segno che è questo  mio blog, chiedo di non cessare di sperare, di credere, di vivere con la massima armonia possibile con la gente, gli animali e la Natura.

A tutti Voi che mi leggete un fraterno abbraccio ed i migliori auguri, della mia famiglia e miei, per un Natale sereno ed in pace, nell’attesa di tempi migliori che mi auguro siano vicini vicini, come imminente dono del 2015. Buon futuro.

a_caneinviaggio

.banzai43