Archivio dell'autore

dalla Russia: Vladimir Majakovskij

16/09/2018

…… Notte di luna

.

….

Paesaggio

ci sarà la luna.

Ce ne sta già un po’.

Eccola che pende piena nell’aria.

E’ Dio, probabilmente,

che con un meraviglioso

cucchiaio d’argento

rimesta la zuppa di pesce delle stelle.

Annunci

dall’Italia: Carlotta Mandel

31/08/2018

Carlotta Mandel (Venezia 1903 – Milano 1992), scrittrice e poetessa sino a ieri a me non nota e me ne pento. Sua la bellissima la composizione che propongo a tutti gli a amici, copiata dalla rubrica Parole italiane di 7C, pubblicazione settimanale del Corriere della Sera (n. 35 2018).

.

F e l i c i   d i   n i e n t e

Felici di niente eravamo,

di scoprirci riflessi uno nell’altra,

di avere, a due, un unico pensiero,

una sola dimensione.

Il ritmo offriva risonanze d’oro,

ogni rima era un bacio assaporato

sulle bocche ridenti,

una parola ci faceva ricchi.

Ritorna!

Non è vita questo vivere

senza te accanto

in languore d’attesa senza fine,

la mente incatenata a un magnetico nulla.

Se di me mi dismemoro

è perché in te non posso ritrovarmi

finché resti lontano.

Motore inerte sono

se l’energia di te non mi percorre,

involucro che aerea la farfalla

ha abbandonato.

Torna!

E ancora saremo

felici di niente.

 

Vaccini: della salute nostra e della politica illusoria

12/08/2018

Amici miei carissimi, buona giornata.

Vaccini si, vaccini no. Quasi libertà di vivere o di morire (per insipienza, ignoranza, finti spazi di libertà, politica dissennata etc.).

Non so più cosa dire, consapevole che il numero di vaccini obbligatori varia da Stato a Stato, ma che quelli obbligatori rimangono tali e non sono soggetti a volontà individuali o ad autocertificazioni facilmente falsificabili (una mamma sciocca, rileva oggi la stampa, si gloriava dell’atto su facebook).

Bene, la farò breve. Un amico m’ha girato il testo che segue e che riproduco. In esso mi sono ritrovato pienamente. Non so se per voi sarà le stessa cosa, ma forse vi indurrà a riflettere una volta ancora.

Buona domenica e l’augurio che ciascuno di voi, se in vacanza, sappia sfruttare al meglio questo periodo per tornare in forza e ritemprarsi.

banzai43

 

 

Cara Senatrice Taverna sono estremamente delusa come italiana, come cittadina e come medico, da quello che ha detto in materia di vaccini…

Ha reso questo paese non più libero…ma oppresso dall’ignoranza e dalla cecità. 

Ogni anno milioni di volontari sanitari rischiano la vita in giro per il mondo per salvare migliaia di piccole vite da malattie che hanno decimato intere popolazioni.

E noi, del mondo ricco e civile, torniamo indietro di mille anni contro ogni ragione.

I nostri bambini non sono bestiame. Sono solo bambini a cui garantiamo un futuro.

Perché non proibiamo anche tutte le altre scoperte scientifiche che hanno cambiato la sopravvivenza dell’uomo moderno e che hanno comunque possibili complicanze?

Proibiamo TUTTE le chirurgie.

Proibiamo il vaccino anti HPV contro i tumori della cervice uterina.

Proibiamo LE CORONAROGRAFIE CON PCI primarie che ogni giorno salvano la vita a centinaia di persone colpite da infarto.

Proibiamo la trombolisi primaria per tutti i pazienti colpiti da ictus cerebri.

Proibiamo le trasfusioni.

Proibiamo gli antibiotici.

Spegniamo la luce…torniamo nel medioevo.

Ma non ci chieda poi…a noi medici…di fare miracoli che volete distruggere.

Non ci chieda di piangere la morte dei nostri bambini. 

La piangiamo da oggi. La piangeremo domani. Impotenti davanti ad una “politica” che riduce a voti politici e twittate la scienza.

Mi vergogno onorevole.

Mi vergogno profondamente. 

Mi vergogno di essere rappresentata da lei e chi pensa sia giusto non vaccinare.

Mi vergogno di stare in un paese in cui le decisioni sulla sanità e sicurezza pubblica, perché è di questo che si tratta, vengono prese da persone non preparate sulla materia, non adeguate nemmeno lontanamente al parlarne pubblicamente e criticamente.

Per fare il mio lavoro, il medico anestesista rianimatore, ci vogliono 6 anni di università, 1 anno di abilitazione statale e 5 anni di scuola di specializzazione. Ci occupiamo di vite. È normale. Doveroso. Importante.

Per fare il suo lavoro Senatrice, basta prendere voti. Parlare sui social. Avere fortuna. Essere nel momento giusto con le persone giuste e al posto giusto.

E questo non è giusto.

Perché voi per un voto condannate il nostro paese al ritorno delle malattie che avremmo dovuto debellare.

Condannate bambini al rischio di non poter crescere.

Condannate noi a guardare il vostro irresponsabile scempio con responsabile impotenza.

È un mondo ingiusto il nostro Senatrice.

È un paese ingiusto il nostro.

Ma soprattutto è ingiusto che chi come Lei, accompagnata da cattivi consigli ed ignoranza dovuta al suo non essere competente in immunologia e malattie infettive, non sarà costretta a vedere un bambino morire di morbillo. 

Lei non lo farà.

Lei e i suoi colleghi politici amanti dei selfie, dei social, dei video mentre siete al lavoro…non li vedrete.

E quando sarà il momento…darete la colpa qualcun altro.

Dorma bene Senatrice stanotte.

Dorma bene Senatrice sempre.

Lo faccia anche per me. E per tutti i miei colleghi a cui ha tolto il sonno, la speranza, e la serenità.

Vorrei avere la sua ostentata sicurezza.

Vorrei poter credere ancora di poter fare il mio lavoro nel migliore dei modi in questo mio paese che non riconosco più…e di cui mi vergogno.

Dorma bene Senatrice.

E si ricordi sempre che il mio lavoro è un privilegio, e dovrebbe esserlo anche il suo.

Silvia Braccini

Semplicemente un medico

Estate, vacanze, mare

06/08/2018

E’ nuovamente estate, un’altra stagione da vivere. Viaggi, scoperte (e riscoperte), riposo e stanchezza rilassata delle notti “tirate” sino all’alba, magari in spiaggia a giocare con l’onda ad assaporarne la salinità in attesa del primo sole e, alte all’orizzonte, le prime barche in ritorno col pescato. Pensieri di mare amico, dal rilassante sciabordio verso la riva, musica primeva che culla, che diluisce i pensieri e poi li annulla, che ristora e rilassa. Mare fraterno!

Conrad però scrisse: “The sea has never been friendly” e, forse, gli antichi sarebbero stati d’accordo con lui considerato che già da Omero, “il mare è l’elemento ingovernabile, insondabile e infido per eccellenza, simbolica rappresentanza dell’instabilità e della precarietà dell’esistenza umana.” (Giorgio Ieranò: Arcipelago, Ed. Einaudi).

Ma eccovi cosa scrisse, esattamente, Joseph Conrad a proposito del mare.

“Mai il mare è stato amico dell’uomo, nonostante tutto ciò che si è detto dell’amore che certe nature (a terra) professano di sentire per lui, nonostante tutte le celebrazioni di cui è stato oggetto in prosa e in poesia. Tutt’al più è stato complice dell’umana irrequietezza, e ha svolto la parte di pericoloso istigatore di ambizioni universali. Leale con nessuna razza umana com’è leale la tenera terra, il mare che rifiuta ogni impronta che deriva dal valore, dalla fatica, dall’abnegazione, che non riconosce alcun dominio come definitivo, non ha mai adottato la causa dei suoi padroni come hanno fatto invece quelle terre dove le nazioni vittoriose del genere umano hanno messo radici , dondolando le loro culle e innalzando le loro pietre tombali. Stolto è colui -uomo o popolo- che, confidando nell’amicizia del mare, trascura la forza e l’astuzia della sua mano destra!  Quasi fosse troppo grande, troppo potente per le virtù ordinarie, l’oceano non ha compassione, non fede, non legge, non memoria.”

(J. Conrad, Lo specchio del mare (1906)

della paura del tradimento

05/08/2018

“La paura del tradimento è la strada più rapida per vedere intorno a sé solo traditori. Alla fine, guardi tutti gli amici che ti sono intorno con sospetto, come potenziali traditori.”

Petros Markaris

Mancare di poesia

28/07/2018

LA BANALITA’

Le vite banali producono solo azioni banali

e la frivolezza è il destino sicuro

di quanti non meditano, riflettono o pensano

e sanno solo agitare la coda.

Le vite banali fanno a pugni con la poesia

quell’allegria piena di universo

– che ci ha insegnato Ungaretti –

ossia vivere il linguaggio come una festa

mero pentimento del silenzio

coltello nel testo e respiro

nella voce e in latenza.

La banalità è mancare di poesia

ed essere feriti dalla vita

irrimediabilmente.

Mempo Giardinelli

Scrittore e giornalista argentino

Scegliere e lasciare il proprio segno

24/07/2018

.

E’ impossibile non scegliere, ognuno di noi è chiamato a lasciare un segno sulla tela bianca della vita, perché scegliere definisce e compie la nostra identità.

Alessandro D’Avenia

Corriere della Sera, 21 luglio 2018

degli studiosi e degli intellettuali

14/07/2018

da “L’università del crimine”

di Petros Markaris

……….

“Ai nostri giorni non esistono più gli studiosi. Ci sono rimasti gli intellettuali”

“E che differenza c’è ?” gli chiedo ……….

” Gli studiosi sono uomini e donne che vivono nelle biblioteche, studiano e producono lavoro scientifico: Gli intellettuali sono specialisti in generalizzazioni e, soprattutto, sono convinti di possedere un sapere esteso a tutto lo scibile umano. Gli studiosi hanno conoscenze; gli intellettuali hanno opinioni che amano esprimere in ogni occasione. L’espressione della propria opinione è intrecciata con due caratteristiche, ognuna delle quali ha una ricaduta sessuale”

“Sessuale ?” ripeto come se non credessi alle mie orecchie ………. 

“Esatto: sessuale,” ripete. La prima è la lussuria dell’analisi. Devono analizzare tutto. Soffrono di una malattia per cui non è ancora stata trovata una cura: l’analisite. L’altra caratteristica è il piacere di ascoltarsi. Si ascoltano mentre parlano e si eccitano sessualmente.

………. “Non ci sono più studiosi, così come non ci sono più professori d’università, signor commissario” ……………….

A te, cagnina mia dolcissima

10/07/2018

A Maya, cagnina amatissima

      (5.12.2005 – 6.6.2018)

 

Amica mia dolcissima.

Compagna silenziosa

attenta sempre,

di pronto scatto appena

mi muovevo,

ti volgevi a cercarmi

se tardavo.

 

Ora non più.

La vita t’ha lasciata

ed io rimpiango i tuoi

salti armoniosi,

il passo lesto e altero,

gli occhi tuoi dolcissimi,

l’attenzione al mio fischio,

la tua amicizia, persa.

 

(Milano, 9.7.2018)

 

 

 

 

del calcio: l’arbitro

08/07/2018

L’arbitro

Quando io giocavo a pallone, più di trent’anni fa, in Patagonia, l’arbitro era il vero protagonista della partita. Se la squadra locale vinceva, gli regalavano una damigiana di vino di Rìo Negro; se perdeva, lo incarceravano. E’ chiaro che la cosa più frequente era il regalo della damigiana, perché l’arbitro e i giocatori ospiti non avevano la vocazione al suicidio.

C’era, a quei tempi una squadra che in casa era imbattibile: Barda del Medio. Il paese … se ne stava inchiodato in mezzo alle dune con una strada centrale … e, più in là casupole di mattoni … Sulle rive del fiume … c’era il campo, circondato da una recinzione di fil di ferro intrecciato con una tribuna di legno di una cinquantina di posti.

Io giocavo nel Confluencia, … paese fondato all’inizio del secolo da un ingegnere italiano …

Il Confluencia non s’era mai piazzato più in là del sesto posto, ma a volte batteva la squadra campione. Molto di rado ma le facevamo prendere un bello spavento.

Quel giorno dovevamo giocare sul campo del Barda del Medio, dove mai nessuno aveva vinto.

I ragazzi del Barda del Medio … picchiavano come se fossero in guerra. Per loro che quando andavano in trasferta finivano sempre travolti da una goleada, era impensabile perdere in casa.

L’anno prima li avevamo sconfitti sul nostro campo per quattro a zero e avevamo perduto a casa loro per due a zero … Il fatto è che nessuno osava giocare da pari a pari perché circolavano leggende orribili sulla sorte dei pochi che avevano osato segnare un gol nella loro fortezza.

… L’arbitro arrivava per tempo, pranzava gratis e poi espelleva il più bravo della squadra ospite e fischiava un rigore senza che fosse passata la prima ora  … Dopo andava a ritirare la damigiana di vino e magari, se la partita era finita con una goleada, si fermava per il ballo.

Io ero molto giovane … e volevo conquistarmi il posto da centravanti con il fiuto per il gol. Gli altri erano ragazzi rassegnati che andavano fin laggiù per rimanere poi al ballo e cercare un’avventura con le ragazze delle fattorie lì intorno. L’arbitro Gallardo Pérez, uomo severo e dalla pessima vista, è venuto nello spogliatoio … a dirci di non tentare di fare i furbi con la squadra ospite. Gli abbiamo detto ….  che cercasse, magari, di non farci spaccare le gambe. … promise che lo avrebbe detto al loro capitano … un terzino veterano che aveva un cattivo carattere e mollava calci come un asino. … il capitano mi si è avvicinato e m’ha detto: “Senti ragazzo, non fare il fesso perché io ti appendo a un albero”. … Gli ho detto di non preoccuparsi e l’ho chiamato “signore”, … ha fatto un cenno di approvazione e se n’è andato a dare lo stesso avviso agli altri attaccanti.

… Ma quel giorno, purtroppo, erano senza punte, e senza fortuna. Tutti noi abbiamo tentato il possibile per infilare la palla nella nostra porta, ma non c’è stato niente da fare. Se il nostro portiere la lasciava rimbalzare in area, loro tiravano fuori. Se i nostri difensori cadevano, loro la mandavano …. tra le mani del portiere.

Alla fine …  sempre più nervoso Gallardo Pérez, ha espulso due dei nostri e ha fischiato due rigori. Il primo è passato sopra la traversa. Il secondo ha preso il palo. Quel giorno … non avrebbero infilato un gol nemmeno nell’arcobaleno.

Il problema sembrava insolubile … ci insultavano e dicevano addirittura che giocavamo sporco. … La situazione è precipitata a cinque o sei minuti dalla fine … abbiamo saltato insieme e lui (il terzino) cercando di refilarmi una gomitata ha lisciato la palla ed è caduto.   … un vuoto che mi entrava nelle ossa mentre mi portavo la palla verso la loro porta, solo come un frate spagnolo.

Il portiere del Barda del Medio non ci capiva più niente. Non solo non riuscivano a segnare … ma, … gli stava andando addosso uno … Allora è uscito a chiudermi alla disperata cosciente che … se non mi avesse fermato per lui ci sarebbe stata una serata senza balli e, magari, mi avrebbe dovuto fare compagnia sull’albero di sinistra fama. Lui ha fatto quel che poteva io quello che non dovevo. … ho visto con l’incoscienza dell’adolescente, che aveva le gambe storte come banane e mi sono scordato … di Gallardo Pérez, e ho scorto la gloria.

Ho finto una schivata e ho toccato la palla di sinistro, un tiro corto e delicato, con il collo del piede, per farla passare in quella parentesi che gli si apriva sotto le ginocchia.  … ha abboccato alla finta e si è buttato in modo vistoso, sicuro di aver salvato l’onore e il ballo del Barda del Medio. Ma la palla gli è passata in mezzo alle caviglie come una goccia d’acqua che scivola fra le dita.  … e mi sono messo a esultare. Ho corso per più di cinquanta metri con le braccia in alto e nessuno dei miei compagni è venuto a congratularsi. Nessuno mi si è avvicinato mentre mi lasciavo cadere in ginocchio, come faceva Pelé nelle fotografie che pubblicava “El grafico”.

Non ho visto se l’arbitro avesse fatto in tempo a convalidare il gol perché era così tanta la gente che aveva invaso il campo e aveva incominciato a picchiarci, che tutto all’improvviso divenne molto confuso. Mi hanno colpiti in testa con la valigia del massaggiatore, che era di legno, e quando si è aperta tutti i flaconi si sono sparpagliati a terra e la gente li raccoglieva per pestarceli sulla testa.

… i poliziotti sono arrivati mezz’ora dopo, quando ormai avevamo le ossa rotte e Gallardo Pérez  se ne stava in mutande avvolto nella rete che avevano strappato ad una delle porte.

Ci hanno portati al posto di polizia … il commissario ci ha fatto un discorso sull’ordine pubblico e sullo spirito sportivo e ha ordinato che ci portassero a … strappare le erbacce con le mani, del campo vicino … mentre gli indignati abitanti del Barda del Medio …  ci tiravano altri sassi e persino qualche bottiglia vuota.

… ci hanno messi tutti ammucchiati in due celle e abbiamo dovuto prenderci cura dell’arbitro Gallardo Pérez, che sembrava un pollo disossato, per via dei suoi ematomi, dei suoi crampi e per un attacco d’asma.

… Al mattino dopo, mentre ci trasferivano con un autobus sconquassato e senza vetri, sotto una pioggia di sassi, il nostro portiere, Cacho Osorio, mi si è avvicinato per dirmi che a lui un gol così non glielo avevano mai fatto. “Ha abboccato alla finta quel fesso” …

Quando si è svegliato, … , Gallardo Pérez mi ha riconosciuto e mi ha domandato come mi chiamassi. Era ancora in mutande ma aveva il fischietto che gli pendeva dal collo come una medaglia.

“Non si faccia mai più vedere da me”, mi ha detto, e la saliva gli colava agli angoli della bocca. “Se la incontro di nuovo su un campo di gioco io la rovino, glielo garantisco”.

“Ha convalidato il gol ?”  gli ho domandato.

“Certo che l’ho convalidato!” ha risposto indignato, … “Per chi mi prende? Lei è un coglione vanitoso, ma quello era un gol come si deve,  e io sono uno come si deve”.

“Grazie” gli ho detto e gli ho porto la mano. Non ha prestato attenzione al mio gesto e mi ha indicato i denti che gli mancavano.

“Vede qui?” mi ha detto. “Questo è stato un gol di Sivori in fuori gioco. Adesso pensi un po’ dove sta lui e dove sto io. A Dio non piace il calcio, ragazzo. Perciò questo paese va così, come la merda”.

Osvaldo Soriano

Gallardo Pérez, arbitro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

rez