Archive for dicembre 2021

La nuova attesa

31/12/2021

Buon anno

Al calendario staccherò
l’ultimo foglio
senza rimpianto alcuno.
Lo strizzerò con vigore
fra le mani
destinato al cestino.
A chiuder l’anno
calice in mano
resterò in attesa.
E’ solo cerimonia!
Appresso al vecchio sorge
l’anno nuovo.
Degli anni il conto è
solo convenzione.
E’ la sola speranza
a dare luce ai giorni.
   banzai43 (Milano, 31.12.2021)

Natale 2021

25/12/2021

Amici miei carissimi, anche quest’anno con non poche tribolazioni, siamo giunti a Natale.

Non tutti siamo felici. Alcuni, per colpa della pandemia, hanno perso familiari o amici; altri soffrono per l’aumentata povertà, altri ancora per la perdita del lavoro. E tutto ciò sottacendo i problemi di sempre che la pandemia non ha certo eliminato, ma sicuramente aggravato.

E non è finita. Una nuova stagione politica è alle porte: Draghi starà dov’è? Ed ancora, Presidente della Repubblica uscente, Presidente della Repubblica entrante, chi sarà? L’importante è che sia una persona equilibrata, con la schiena dritta, stimato o stimabile dall’Europa e che abbia veramente a cuore il futuro dell’Italia e degli italiani.

Quanto a noi, di questi tempi, cerchiamo di continuare a vivere seguendo le regole. Cosa possiamo fare di più? e riposiamoci in famiglia, vicino agli affetti più cari. Vacciniamoci, portiamo la mascherina, ma non rinunciamo ad essere curiosi, a sorridere, a leggere, a sentir musica, a frequentare cinema e teatri, insomma a continuare a vivere. Questo l’augurio di banzai 43 a tutti Voi, forse diversi per razza, sesso, credenza religiosa e colore dei capelli, ma abitanti tutti di questa palla che volteggia nel cielo e che dobbiamo cercare di salvare da noi stessi. Buon Natale a tutti.

banzai 43

alberellodinatale

della malattia e del veder meglio

06/12/2021

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è van-gogh-x.jpg

La malattia porta con sé sentimenti e idee che non abbiamo mai finché stiamo bene; e ci fa vedere meglio molte cose che la foga della vita e la febbre dell’azione ci impedivano di vedere.

 

G. Michelet