del dolore e del raccontare

karen blixen

.

Tutti i dolori sono sopportabili se li si fa entrare in una storia, o se si può raccontare una storia su di essi.

Karen Blixen

Annunci

Tag: , , , , ,

2 Risposte to “del dolore e del raccontare”

  1. katherine Says:

    Non saprei…credo che esistano dolori veramente difficili da sopportare come, ad esempio, la perdita di un figlio. Però è vero: se non si muore di dolore, il tempo può renderli più sopportabili.
    Io ho parlato tanto dei miei genitori, con gli amici, i parenti, anche sul blog, e ho raccontato la loro vita. Un po’ mi ha aiutata, ma il dolore c’è ancora. Solo la ragione mi conforta, perchè so che è giusto per loro che se ne siano andati.La vita, quando diventa sofferenza, non è più vita.

  2. banzai43 Says:

    Cara Kat, il dolore è “personale”, ognuno lo vive e lo rielabora come sa e come può. Parlarne con chi ti è vicino, con chi ti vuol bene, certamente aiuta. Ciò che, credo, mitighi il dolore è la consapevolezza di aver fatto, quando lo si è fatto veramente, tutto il possibile per evitare che (il dolore) prenda il sopravvento. Il resto dovrebbe farlo il tempo. Almeno un poco.
    Buona domenica.
    banzai43

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: