dall’Irlanda: William Butler Yeats

La bellezza vivente

Volevo, ormai consunti olio e lucignolo

e i canali del sangue in gelo secchi,

l’inappagato cuore ora appagare

nella bellezza che un modello emana

di bronzo, o in abbagliante marmo appare;

appare, e se ti volgi ahimè scompare,

alla tua solitudine lontana

più d’un fantasma. O cuore, siamo vecchi;

la bellezza vivente è per l’ardore

dei giovani. Né dato è a noi recarle

il tributo di lacrime selvagge.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: