Sonetto del Bardo

SHAKESPEARE

Sonetto 115

.

.

Mentono i versi che una volta ho scritto,

dissi:” Di più non ti potrei amare”;

ma all’intelletto era allora incredibile

ch’io, sì colmo, avvampassi ancor più chiaro.

Guardando al tempo, che in vicende a mille

scongiunge i voti e muta legge ai re,

scurisce la beltà sacra, i più fini

stempra, i forti nel suo flusso traveste;

ah del tempo implacato nel timore

come non dirti: “Ora t’amo nel culmine”

quando l’incerto m’era certo e l’oggi

incoronavo, del futuro in dubbio?

 

E’ un bimbo Amore, non dire dovevo,

lasciar pienezza a quel che ancora cresce.

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: