Archive for marzo 2009

economia e finanza

22/03/2009

soldi

Spendi sempre
un soldo meno
di quel che guadagni
.

Cesare CANTU’, Attenzione, XVIII

soldi2

Primavera avanzata

17/03/2009

attaccapanni2Primavera avanzata

banzai43
Ondeggiare d’arbusti
e di capelli.
Il vento al sole
che rinfresca e spinge.
Brezza di luna
chiara nella notte.

Uno spiraglio ai sogni
della mente.
Frescura d’alba
astro all’orizzonte.
Nuovo inizio di vita
e di tormento.

delle battaglie e dello specchio

17/03/2009

montanelli1

L’unico consiglio che mi sento di dare – e che regolarmente do – ai giovani è questo: combattete per quello in cui credete. Perderete, come le ho perse io, tutte le battaglie. Ma solo una potrete vincerne. Quella che s’ingaggia ogni mattina, davanti allo specchio.

Indro Montanelli,

“Soltanto un giornalista”

Futurismo: uomini, figli e lussuria

16/03/2009

bacio1

Marzo 1912 – Valentine de Saint-Point

dal … Manifesto della donna futurista

Invece di ridurre l’uomo alla schiavitù degli squallidi bisogni sentimentali, spingete i vostri figli e i vostri uomini a superare se stessi. Voi li avete fatti. Voi potete tutto su di loro. All’umanità dovete degli eroi. Dateglieli.

dal … Manifesto della lussuria

Bisogna fare della lussuria un’opera d’arte.

Dicono che

12/03/2009

Consigli per vivere meglio e in salute

(copiato integralmente, tempo addietro, dal blog dell’amica Kat)

questo il Suo blog attuale:

http://katherinem.splinder.com

Dicono che tutti i giorni dobbiamo mangiare una mela per il ferro e una banana per il potassio. Anche un’arancia per la vitamina C e una tazza di thè verde senza zucchero, per prevenire il diabete.
Tutti i giorni dobbiamo bere due litri d’acqua (sì, e poi fare pipì, che richiede il doppio del tempo che hai perso per berteli).
Tutti i giorni bisogna mangiare un Actimel o uno yogurt per avere i “L. Cassei Defensis”, che nessuno sa bene che cosa cavolo sono, però sembra che se non ti ingoi per lo meno un milione e mezzo di questi bacilli (?) tutti i giorni, inizi a vedere sfocato.
Ogni giorno un’aspirina, per prevenire l’infarto, e un bicchiere di vino rosso, sempre contro l’infarto. E un altro di bianco, per il sistema nervoso. E uno di birra, che già non mi ricordo per che cosa era.
Se li bevi tutti insieme, ti può dare un’emorragia cerebrale, però non ti preoccupare perché non te ne renderai neanche conto.
Tutti i giorni bisogna mangiare fibra. Molta, moltissima fibra, finché riesci a evacuare un maglione. Si devono fare tra i 4 e 6 pasti quotidiani, leggeri, senza dimenticare di masticare 100 volte ogni boccone. Facendo i calcoli, solo in mangiare se ne vanno 5 ore. Ah, e dopo ogni pranzo bisogna lavarsi i denti, ossia dopo l’Actimel e la fibra lavati i denti, dopo la mela i denti, dopo il banano i denti… e così via finché ti rimangono dei denti in bocca, senza dimenticarti di usare il filo interdentale, massaggiare le gengive, il risciacquo con Listerine…
Meglio ampliare il bagno e metterci il lettore di CD, perché tra l’acqua, le fibre e i denti, ci passerai varie ore lì dentro.
Bisogna dormire otto ore e lavorare altre otto, più le 5 necessarie per mangiare, 21. Te ne rimangono 3, sempre che non ci sia traffico. Secondo le statistiche, vediamo la tele per tre ore al giorno. Già non si può, perché tutti i (more…)

verità fondamentali

10/03/2009

enzo-biagi21Le verità che contano, i grandi principi, alla fine restano sempre due o tre. Sono quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino.

(ENZO BIAGI, Strettamente personale)

da “Taccuini giovanili”

10/03/2009

giacomo-balla-1

Ho un carattere ne così ne cosà, sono natura fatta da essa e non dagli uomini, per cui vivrò da me certissimo della mia arte che fa palese nella pittura la mia anima.

Giacomo Balla

8 marzo 2009, un modesto regalo

06/03/2009
261(immagine di Pino Ninfa, con l’autorizzazione dell’Autore)

……..A te, Donna

Antro del fuoco ardente dell’amore,
…..futuro di speranza.

Flusso vermiglio
…..purificatore.

Dea della vita
…..della famiglia tutta.

A te, Donna,
…..una carezza lieve
……….e ‘l mio pensiero.

……………banzai43

il cocomero

05/03/2009

piratiIl cocomero

Da : ‘ Le parole portano lontano’
Nick Owen

Un viaggiatore attraversava  a cavallo un ampio e arido altopiano; era in viaggio fin dalla mattina e ormai aveva caldo e si sentiva stanco ed affamato. Mentre guardava il sole scendere dietro le montagne a ovest, si chiedeva dove avrebbe trovato un posto per dormire e qualcosa da mangiare.

Arrivò all’estremità dell’altopiano e guardò verso il basso, dove si apriva una profonda valle. Molto lontano si distingueva un villaggio, si notava il fumo che usciva pigramente dai camini e formava piccole nuvole nel cielo della sera.

Il viaggiatore spronò il cavallo a percorrere il sentiero che scendeva verso la valle: già pregustava una bibita fresca e dissetante, il sapore dei dolci tipici e il piacere di una buona compagnia.

Quando arrivò all’ingresso del villaggio, sembrava non ci fosse nessuno. C’era una sola strada con case e pochi negozi sui lati ma, nella foschia della sera, si poteva intravedere qualche forma di attività, all’estremità opposta del villaggio.

Mentre incitava il cavallo in quella direzione, il viaggiatore si rese conto che tutti gli abitanti del luogo erano riuniti attorno ad una staccionata che (more…)

Il cambio degli armadi

04/03/2009

tura002Il cambio degli armadi

da ‘ Giardiniere principesse porcospini’

Consuelo C. Casula

C’era una volta una principessa che decide di fare ordine nel suo armadio. Apre e scopre che è strapieno di abiti e abitudini che ha indossato durante le diverse stagioni della vita. Ce ne sono di colori chiari, scuri, sobri, accesi, di forme e tessuti diversi, larghi, stretti, lunghi, corti. Alcuni che appesantiscono, rallentano e impigriscono i suoi passi, e altri che la lasciano libera di muoversi, di camminare con passo leggero e veloce, alcuni che coprono dalla testa ai piedi, altri che con seducenti trasparenze esaltano le forme femminili. Trova abiti che indossava quando era bambina, adolescente, giovane donna, abiti che ora non le stanno più. Trova abiti e abitudini che amici, amiche, parenti, amanti le hanno messo addosso, con le etichette ben chiare di quello che lei avrebbe dovuto rappresentare per soddisfare le loro aspettative. (more…)