Presidenziali. Siamo agli sgoccioli. Ed io dico la mia

22/01/2022
Innanzi tutto un grazie, caloroso, al Presidente uscente Sergio Mazzarella. Ha rappresentato l’Italia in modo degno, attraversato mari tempestosi e affrontato momenti difficili. Ha operato, sempre, in modo cortese, ma fermo facendo sentire la propria voce, sicura, quando lo ha ritenuto necessario. Grazie!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mattarella-s.-2.jpg

Posto questa nota oggi, prima che Silvio Berlusconi sciolga la riserva circa la sua candidatura, per poter esprimere il mio pensiero, senza il timore di generare fraintendimenti.
Non amo Silvio Berlusconi e non lo vorrei al Quirinale, ma se diventasse il prossimo Presidente della Repubblica Italiana sarebbe anche il mio Presidente. Sarei, pertanto, pronto, se del caso a rimbrottare chi, italiano o straniero, dovesse criticarlo scioccamente o irriderlo. Sarebbe un comportamento contro l’Italia, e questo non potrei permetterlo.
Quanto a Draghi, preferirei rimanesse dov’è, pur consapevole del prestigio nazionale e internazionale di cui è portatore e dell’autorevolezza e, forse, della stabilità che potrebbe dare all’Italia, in qualità di Presidente della Repubblica, con un settennato al vertice del nostro Paese. Contro di Lui gioca il mio timore di dissolvimento o, peggio, frantumazione del Governo da Lui guidato con buon senso, capacità di mediazione e sicurezza.
Passiamo, ora, alle mie impossibili predilezioni.
Due sono le persone che vorrei potessero vestire i panni del prossimo Presidente della Repubblica italiana (non ho particolari preferenze), ambedue di vasta cultura e con un passato politico non indifferente e, sino a riprova del contrario, scevri d’accuse che ne insozzino l’immagine: Walter Veltroni e Valdo Spini.
Uomini di sinistra, ambedue ex Ministri, romano il primo e fiorentino il secondo.
Veltroni: politico, giornalista, scrittore, regista. Nella mia mente persona seria, sindaco di Roma poco chiacchierato, rispettato dai più.
Spini: uomo di grande cultura, equilibrato, buon mediatore, anch’esso mai chiacchierato. In passato Ministro dell’ambiente (realmente presente e capace), portatore e attivista di varie attività umanitarie eredità, forse, del suo nascere valdese.
Ambedue, a mio giudizio, potrebbero ben rappresentare l’Italia in modo serio, elegante e convincente.
Questo, esposte le mie convinzioni, è tutto.
Sia l’uno che l’altro, è quasi certo, non diverranno Presidente, ma essendo in Democrazia ero libero di dire la mia e così … l’ho fatto!
Al nuovo prossimo Presidente: “Tanti auguri di Buon Lavoro”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è a_caneinviaggio.jpg

banzai43

… eccola: la Befana

05/01/2022

 

befana2

… un poco glamour, ma che volete. E’ una befana antica che ha fatto il lifting. Un restauro che appare abbastanza ben fatto. Ancora auguri di Buona Salute e di Buon Futuro a tutti.

banzai43

 

 

… e ora aspettiamo la Befana

03/01/2022

  Natale e Santo Stefano … andati!

   Capodanno … anche.

   La Befana … in arrivo, universo permettendo: niente comete o meteoriti minacciosi!

   Che fare nell’attesa? La cosa più semplice, ovviamente: riposare, riposare, riposare. Qualche breve passeggiata (breve, mi raccomando, per non stressarci) con mascherina, alimentazione ridotta, bevute limitate. Sono permesse le partite a carte in famiglia, con mani ben pulite, a scopa, briscola e burraco (quest’ultime per i più evoluti), ma senza esagerare per non innervosirci (se perdiamo).

Misurate il tondo vita e tenetelo sotto controllo, non bisticciate in famiglia (stanca!), sonnecchiate al pomeriggio, ma soprattutto fate quello che vi pare (con lentezza) e date poca retta a questo amico, rompiglione che, in attesa della Befana, Vi scrive.

Buon 2022, nuovamente, A TUTTI !!!!!

Antique pen and inkwell

banzai43

Il 2022 è giunto

02/01/2022

IMG_3165

Buon 2022 a tutti.

a_caneinviaggio

banzai 43

La nuova attesa

31/12/2021

Buon anno

Al calendario staccherò
l’ultimo foglio
senza rimpianto alcuno.
Lo strizzerò con vigore
fra le mani
destinato al cestino.
A chiuder l’anno
calice in mano
resterò in attesa.
E’ solo cerimonia!
Appresso al vecchio sorge
l’anno nuovo.
Degli anni il conto è
solo convenzione.
E’ la sola speranza
a dare luce ai giorni.
   banzai43 (Milano, 31.12.2021)

Natale 2021

25/12/2021

Amici miei carissimi, anche quest’anno con non poche tribolazioni, siamo giunti a Natale.

Non tutti siamo felici. Alcuni, per colpa della pandemia, hanno perso familiari o amici; altri soffrono per l’aumentata povertà, altri ancora per la perdita del lavoro. E tutto ciò sottacendo i problemi di sempre che la pandemia non ha certo eliminato, ma sicuramente aggravato.

E non è finita. Una nuova stagione politica è alle porte: Draghi starà dov’è? Ed ancora, Presidente della Repubblica uscente, Presidente della Repubblica entrante, chi sarà? L’importante è che sia una persona equilibrata, con la schiena dritta, stimato o stimabile dall’Europa e che abbia veramente a cuore il futuro dell’Italia e degli italiani.

Quanto a noi, di questi tempi, cerchiamo di continuare a vivere seguendo le regole. Cosa possiamo fare di più? e riposiamoci in famiglia, vicino agli affetti più cari. Vacciniamoci, portiamo la mascherina, ma non rinunciamo ad essere curiosi, a sorridere, a leggere, a sentir musica, a frequentare cinema e teatri, insomma a continuare a vivere. Questo l’augurio di banzai 43 a tutti Voi, forse diversi per razza, sesso, credenza religiosa e colore dei capelli, ma abitanti tutti di questa palla che volteggia nel cielo e che dobbiamo cercare di salvare da noi stessi. Buon Natale a tutti.

banzai 43

alberellodinatale

della malattia e del veder meglio

06/12/2021

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è van-gogh-x.jpg

La malattia porta con sé sentimenti e idee che non abbiamo mai finché stiamo bene; e ci fa vedere meglio molte cose che la foga della vita e la febbre dell’azione ci impedivano di vedere.

 

G. Michelet

 

del genere umano e della morte

24/11/2021

Per quasi tutto il genere umano la morte e l’immortalità sono materia di debole e rara curiosità. Pochissimi uomini passeggiano fissando il cielo, e vivono pensando alla morte.

G.A. Borgese

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alpc.gif

 

Siamo d’Estate ed è (quasi) Ferragosto

13/08/2021
A tutti gli amici, Buon Ferragosto

Della fanciullezza e della libertà

19/07/2021

pensiero“Rassicurati, la fanciullezza contiene l’annuncio della libertà che non si vedrà mai, è la libertà dello spirito che nessuno vuole ascoltare. La fanciullezza è composta da una serie a catena di travolgenti creazioni, è una forma di verità su cui intervengono le forze distruttrici delle convenzioni che, religioni e culture, potere e servitù fanno a gara a buttare sul cammino dell’uomo che si sta formando nella misteriosa solarità della propria infanzia.”

da “La morte del fiume” di Guglielmo PETRONI